Cos’è il dolore?

2018-10-15T00:00:00
Chiesi Farmaceutici S.p.A.
Dolore: cause e trattamenti antidolorifici - Brexidol
Scopri il rimedio contro il dolore

Il dolore è una esperienza soggettiva e individuale, e ha caratteristiche diverse in ogni persona. Per questo motivo l’associazione internazionale per lo studio del dolore (IASP) definisce il dolore come “un’esperienza sensoriale ed emozionale spiacevole, associata o meno a un danno tessutale, in atto o potenziale, o descritta in termini di un simile danno”.

Dolore alla caviglia

Dal punto di vista della classificazione si distinguono, in base all'origine dello stimolo, tre tipi di dolore:

  • nocicettivo meccanico strutturale, che origina dai nocicettori sottoposti a stimoli di elevata intensità
  • neuropatico, conseguenza di un danno ai nervi periferici o al SNC
  • infiammatorio, causato dalla stimolazione dei recettori del dolore in corso di infiammazione


In particolare, il dolore infiammatorio a carico del sistema muscolo-scheletrico è una delle cause di malattia più rilevanti in tutto il mondo, e questa prevalenza è destinata a crescere.

Il dolore infiammatorio, con il tempo, è caratterizzato da aumento dell'area di dolore periferica, difficoltà di localizzazione ed aumento della sensibilità della zona dolente.

Dolore acuto - Dolore cronico

Il dolore va inoltre distinto in base alla sua durata nel tempo, e può quindi essere:

  • acuto, se corrisponde a un danno tessutale in atto ed ha una durata limitata
  • cronico, se la sua durata supera i 3 mesi


Il dolore acuto, se non gestito correttamente, può diventare in alcuni casi dolore cronico: è quindi importante che il trattamento antidolorifico sia tempestivo ed efficace, proprio per prevenire la cronicizzazione del dolore.

Vuoi saperne di più?

Torna a dolore