Distorsione al ginocchio

2020-07-24T13:28:43
Chiesi Farmaceutici S.p.A.
Distorsione al ginocchio - Brexidol

Quella del ginocchio è un’articolazione molto importante, anche se probabilmente non facciamo sufficientemente caso al ruolo che riveste nella vita di tutti i giorni: sostiene il peso corporeo, ci permette di camminare, piegarci sulle gambe, compiere salti e balzi, correre e, proprio per ottemperare a queste molteplici funzioni, ha una struttura complessa e resistente. Ma non significa che sia immune da patologie, infortuni e lesioni. 

In particolare, è una delle articolazioni, insieme alla caviglia e al polso, più esposte al rischio di distorsioni. E se è vero che un trauma distorsivo al ginocchio è particolarmente frequente in ambito sportivo (ne sanno qualcosa in particolare quanti praticano, a livello professionale o amatoriale, calcio, rugby e pallacanestro e gli appassionati di sci), può capitare anche nella vita di tutti i giorni, per esempio in seguito a cadute accidentali (alle quali possono essere più soggetti gli anziani).

Una distorsione al ginocchio non va sottovalutata, in quanto può determinare danni e rotture ai legamenti e ad altre strutture importanti dell’articolazione, compromettendone la funzionalità e la stabilità e richiedendo spesso anche tempi lunghi per la guarigione. Cerchiamo quindi di capire in cosa consiste questo infortunio articolare, quali conseguenze può produrre, come riconoscerlo, quali tipologie di terapia e riabilitazione sono richiesti, nonché le strategie per minimizzare il rischio di incorrervi. 

Distorsione al ginocchio

Distorsione al ginocchio: cos’è

Distorsione al ginocchio

A livello generale, la distorsione è un infortunio articolare che deriva da un movimento anomalo e brusco che non rientra nella gamma naturale dei movimenti di un’articolazione, che viene così forzata temporaneamente fuori dalla sua posizione. Poiché sono i legamenti le strutture preposte a stabilizzare l’articolazione nella sua posizione ordinaria, si può facilmente intuire come un trauma distorsivo influisca inevitabilmente su di essi, determinandone una trazione e un allungamento che va oltre i limiti naturali, con possibili conseguenze di varia entità sulla loro struttura.

L’articolazione del ginocchio è contenuta all’interno della capsula articolare ed è formata dall’incontro di tre ossa (femore, tibia e rotula). A garantire la stabilità del ginocchio intervengono quattro legamenti:

  • il crociato anteriore
  • il crociato posteriore
  • il collaterale mediale
  • il collaterale laterale.

I due legamenti crociati collegano la superficie inferiore del femore e quella superiore della tibia, incrociandosi (come si può intuire dal nome) al centro dell’articolazione, con il compito di prevenire un eccessivo movimento in avanti o indietro della tibia rispetto al femore durante la flessione e l’estensione del ginocchio. I due legamenti collaterali, invece, scorrono lateralmente all’articolazione e hanno il compito di prevenire eccessivi movimenti del ginocchio verso l’interno e verso l’esterno.

Distorsione al ginocchio

Tra fattori di rischio che possono favorire una distorsione al ginocchio, ricordiamo:

  • la pratica di alcune attività sportive, in particolare quelle che prevedono improvvisi cambi direzionali di movimento, corsa con arresti rapidi, atterraggi dopo salti e balzi, colpi diretti al ginocchio (sport particolarmente a rischio solo lo sci alpino, il calcio, il basket e il rugby). Ciò non toglie che un trauma distorsivo possa verificarsi anche in altri frangenti, come, per esempio, in occasione di cadute accidentali
  • un allenamento non adeguato o eccessivo, in quanto muscoli stanchi e sotto tono possono non supportare adeguatamente l’articolazione
  • l’uso di calzature e/o attrezzature sportive inadeguate.

Quali danni produce una distorsione al ginocchio

In caso di distorsione al ginocchio, il trauma può determinare una lesione di varia entità e gravità in particolare ai legamenti: si va da microlesioni e lievi sfibramenti alla lacerazione parziale, fino, nei casi più seri, alla rottura completa.

Il tipo di legamenti lesionati dipende dalla direzione della forza applicata sul ginocchio. La distorsione più comune si verifica in seguito a uno spostamento, a volte anche con torsione, dell’articolazione verso l’interno, mentre il piede è ben saldo al suolo, e coinvolge il legamento collaterale mediale e il crociato anteriore, insieme o separatamente (si tratta infatti dei due legamenti più frequentemente soggetti a lesioni distorsive).

Distorsione al ginocchio

Oltre ai legamenti, esiste la possibilità che vengano danneggiate altre strutture dell’articolazione:

  • un menisco, ovvero una struttura fibrocartilaginea che, posta tra femore e tibia, funge da ammortizzatore e assorbe gli urti (ne esistono due per ogni ginocchio) 
  • i tendini (per esempio il tendine rotuleo).

Inoltre, possono verificarsi anche fratture ossee (per esempio il distacco del frammento di osso su cui si inserisce il legamento lesionato). A seconda dell’entità del trauma distorsivo, inoltre, si può andare incontro a una disabilità funzionale, cioè alla parziale o totale incapacità di muovere e reggersi sul ginocchio. 

Non dimentichiamo, infine, che le distorsioni al ginocchio, come in generale i traumi a carico delle strutture di questa articolazione, rappresentano uno dei fattori di rischio per lo sviluppo della gonartrosi, cioè l’artrosi al ginocchio, malattia reumatica caratterizzata dalla degenerazione progressiva della cartilagine articolare.

Sintomi e diagnosi della distorsione al ginocchio

Distorsione al ginocchio

Segni e sintomi della distorsione al ginocchio generalmente includono:

  • percezione di uno “schiocco” nel ginocchio al momento dell’infortunio
  • dolore acuto
  • gonfiore e tumefazione
  • lividi (ecchimosi o ematomi) e/o comparsa di un versamento articolare di sangue (emartro)
  • instabilità e ridotta mobilità dell’articolazione colpita.

Caratteristiche e intensità dei sintomi possono variare a seconda della gravità della lesione. Normalmente, le distorsioni possono essere di:

  • grado 1 (lieve): generalmente il legamento si allunga e/o va incontro solo a microlesioni e lievi sfibramenti; il dolore e il gonfiore sono minimi, eventuali lividi sono lievi e, di solito, pur con qualche difficoltà, si riesce a mantenere una discreta mobilità e stabilità del ginocchio
  • grado 2 (moderata): c’è una parziale lacerazione del legamento, dolore e gonfiore sono moderati, compaiono lividi, risulta difficoltoso caricare il peso del corpo sul ginocchio e muoverlo
  • grado 3 (grave): uno o più legamenti vanno incontro a rottura completa e possono essere coinvolte anche altre strutture. Il dolore è intenso, così come il gonfiore e la tumefazione che si formano in tempi brevi; può essere impossibile reggersi sull’articolazione e muoverla; può comparire un versamento di sangue nell’articolazione (emartro).

Se, in seguito all’infortunio articolare, il dolore è tale da risultare insopportabile, il ginocchio si gonfia molto rapidamente e non si riesce a usare l’articolazione, è meglio rivolgersi subito al pronto soccorso o al proprio medico. 

Trattamento della distorsione al ginocchio

Distorsione al ginocchio

Il trattamento acuto di una distorsione, da seguire in genere nelle prime 24-48 ore con l’obiettivo di ridurre i sintomi di dolore, infiammazione e tumefazione, segue generalmente il cosiddetto protocollo RICE, un acronimo inglese che sta per:

  • Rest, ovvero riposo, cioè non svolgere attività che possono determinare dolenzia, gonfiore e fastidio al ginocchio; se necessario si possono usare anche stampelle per non imporre un carico eccessivo 
  • Ice, cioè ghiaccio, da applicare sul ginocchio per 20 minuti alla volta, più volte al giorno
Distorsione al ginocchio
  • Compression, ovvero compressione, in quanto applicare un bendaggio compressivo sulla parte lesa può aiutare a ridurre il gonfiore, facendo però attenzione a non stringere troppo per non ostacolare la circolazione (può essere quindi utile affidarsi al medico per farlo in modo corretto)
  • Elevation, ovvero elevazione, che consiste nel mantenere l’arto in elevazione sopra il livello del cuore (per esempio stando sdraiati con il ginocchio sostenuto da cuscini), il più a lungo possibile per le prime 24-48 ore per ridurre l’edema e l’eventuale ematoma.

In aggiunta, per contrastare la sintomatologia dolorosa, possono essere raccomandati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) da assumere per bocca o a livello topico (sotto forma di pomate, gel o cerotti medicati). Il medico può anche prescrivere anche l’immobilizzazione del ginocchio per un lasso di tempo variabile a seconda della lesione.

Dopo questo primo approccio, a seconda dell’entità del trauma distorsivo e delle lesioni riportate, l’ortopedico valuterà se è necessario: 

  • un trattamento conservativo, col ricorso da subito ad alcune settimane di terapia fisica e riabilitativa 
  • un trattamento chirurgico.

Riabilitazione e recupero da distorsione al ginocchio

Gli obiettivi principali della riabilitazione, sia quando utilizzata come trattamento medico conservativo, sia successivamente a un primo trattamento chirurgico, sono:

  • favorire la guarigione dell’articolazione
  • ripristinare la stabilità e l’intera gamma di movimenti del ginocchio
  • contrastare la rigidità muscolare e articolare
  • rinforzare muscoli. 

È bene affidarsi, allo scopo, alla guida di un fisioterapista che potrà ricorrere sia a sedute di terapia fisica anche strumentale (per esempio sfruttando laser ad alta energia) sia a un programma specifico di esercizi.

Distorsione al ginocchio

I tempi di recupero variano in relazione alla gravità della distorsione e in base alla risposta del singolo paziente. Se per una distorsione lieve possono essere sufficienti alcune settimane, per i casi più gravi e che hanno richiesto anche la chirurgia, possono passare diversi mesi prima del ritorno completo alle attività di prima. Ciò vale a maggior ragione se si intende tornare all’attività sportiva: è importante non avere fretta e seguire le indicazioni di medici e fisioterapisti, per non esporre un’articolazione ancora non pienamente stabile a un rischio maggiore di infortunio.

Prevenzione della distorsione al ginocchio

Soprattutto per chi pratica le attività sportive più esposte al rischio di incappare in una distorsione al ginocchio, può essere utile:

  • utilizzare attrezzature e calzature adeguate all’attività che si pratica
  • allenare e potenziare il tono muscolare, in particolare dei muscoli che stabilizzano l’articolazione del ginocchio
  • svolgere sempre un adeguato riscaldamento e stretching prima dell’attività sportiva
  • gestire al meglio l’intensità degli allenamenti, aumentandola, se necessario, con gradualità, senza strafare
  • non sottovalutare gli infortuni e rispettare i tempi indicati dal medico per ritornare a svolgere le attività usuali (sportive e non).

Ti potrebbe interessare anche

Distorsioni

Distorsioni

Anche se si tratta di un’alterazione anatomica temporanea, la distorsione deve essere trattata tempestivamente e ...

leggi tutto
Distorsione alla caviglia

Distorsione alla caviglia

È uno dei traumi sportivi più comuni, ma può verificarsi anche durante lo svolgimento delle normali attività ...

leggi tutto

Vuoi saperne di più?

Torna a traumi e sport