Strappo muscolare: cause, cure e rimedi

2020-05-26T08:19:03
Chiesi Farmaceutici S.p.A.
Strappo muscolare - Brexidol
Scopri il rimedio contro lo strappo muscolare

Rappresenta la tipologia di infortunio muscolare più grave. Vediamo insieme come riconoscerlo e trattarlo.

Le lesioni muscolari sono all’ordine del giorno in chi pratica attività fisica a qualsiasi livello, dalla corsa agli sport di gruppo. Dal 30 al 50 per cento degli infortuni sportivi sono, infatti, rappresentati da contratture, contusioni, stiramenti o strappi. La contusione è una lesione da trauma diretto, mentre contratture, stiramenti e strappi sono tutte lesioni da traumi indiretti.

Sebbene i traumi possano interessare qualsiasi muscolo del corpo, le sedi più spesso colpite sono gli arti: in particolare, negli sportivi sono frequenti lesioni ai muscoli della coscia (flessori, adduttori, quadricipite) e del polpaccio (tricipite surale). Una lesione muscolare frequente nei culturisti è invece quella che coinvolge il tricipite e/o il deltoide in seguito agli esercizi di sollevamento pesi.

Strappo muscolare

Le caratteristiche di uno strappo muscolare

Strappo muscolare - caratteristiche

Come detto, esistono diverse tipologie di infortunio muscolare: la contrattura muscolare, per esempio, non è una vera e propria lesione muscolare, ma un’alterazione del tono muscolare di tutto il muscolo o di una parte di esso. Questo tipo di alterazione è spesso conseguenza di uno stato di affaticamento generale del muscolo durante l’esercizio fisico o il movimento in generale. Quando si verifica uno stiramento muscolare, invece, le fibre del muscolo interessato subiscono un allungamento eccessivo, ma senza lacerarsi. Diversamente, nel caso dello strappo si ha una rottura, più o meno estesa, delle fibre muscolari.

Lo strappo, chiamato anche distrazione muscolare, viene in genere classificato in tre categorie di gravità crescente, definite in base all’entità del tessuto muscolare lacerato:

  • nel caso di uno strappo di I grado, il danno è localizzato, senza perdita di continuità del muscolo. Il sintomo più caratteristico è un dolore acuto e violento che insorge durante l’attività, ma che consente ancora di muovere la zona colpita, avvertendo però fastidio
  • nello strappo di II grado si ha una rottura delle fibre del muscolo più estesa; di solito l’area di lesione interessa 2/3 delle fibre. Al dolore acuto e violento, a maggior ragione se si prova a contrarre il muscolo, si associa l’incapacità di muoverlo
  • lo strappo di III grado comporta la rottura di un'ampia porzione muscolare, con interessamento superiore ai 2/3 del muscolo. I disturbi tipici sono dolore molto intenso, impotenza funzionale e formazione di un ematoma importante. Di solito non si associa la comparsa di febbre. Talvolta, a un’attenta analisi, si nota un avvallamento, come una sorta di scalino, nella sede della lesione.

Terapia per la fase acuta

Strappo muscolare - terapia

La prima cosa da fare dopo un trauma muscolare è applicare il metodo denominato RICE, acronimo inglese che sta per rest (riposo), ice (ghiaccio) compression (compressione), elevation (elevazione). Quando la contrattura o il trauma sono di lieve entità l’applicazione di questo protocollo in tutte le sue fasi dovrebbe dare sollievo nell’arco di qualche giorno, avviando il percorso di guarigione. È importante però seguire i consigli del medico e svolgere correttamente tutti i passaggi di questo trattamento.

In primo luogo, la parte lesa deve rimanere a riposo: questo non significa che gli atleti, ma non solo, debbano restare fermi completamente, ma che non devono muovere la parte che ha subito il trauma. L’obiettivo è evitare sforzi che potrebbero nuocere gravemente alla cicatrizzazione e alla rivascolarizzazione dei tessuti.
Entro le prime quattro ore dal trauma è fondamentale applicare ripetutamente sulla lesione per almeno 20/30 minuti una borsa del ghiaccio o del ghiaccio spray. Il freddo limita infatti il gonfiore e il dolore. È stato dimostrato inoltre che l'uso precoce della crioterapia è associato a un ematoma significativamente più piccolo nello spazio tra le fibre muscolari strappate, con meno infiammazione e con una rigenerazione accelerata. Il freddo esercita infatti una potente azione sulla circolazione sanguigna, riducendo il flusso di sangue ai vasi lesionati. Al contrario, nell’immediato post-trauma è controindicato il caldo: bisogna quindi evitare qualunque forma di calore, compresi massaggi e impacchi caldi.

Strappo muscolare - terapia
Strappo muscolare - terapia

La compressione prevede l’applicazione di una fasciatura compressiva per garantire stabilità sulla zona del corpo lesa. Un buon bendaggio favorisce inoltre una riduzione del dolore e una rapida risoluzione dell’edema. L’ideale è farselo fare da un esperto, per esempio un fisioterapista, un medico o un infermiere, per non rischiare di comprimere troppo o troppo poco l’area interessata.
Lo step finale prevede che l’arto sia sollevato sopra l’altezza del cuore per le prime 48 ore. Questo permette di evitare il ristagno ematico, riduce l’edema e diminuisce anche il dolore.
Dopo aver messo in atto questi accorgimenti, è sempre buona regola sottoporsi a una visita medica, che prevede in primo luogo la palpazione dell’arto per valutarne la dolorabilità, ed eventualmente ad alcuni esami.

I tempi di guarigione sono ovviamente diversi a seconda del tipo di lesione:

  • gli strappi di I grado necessitano di un periodo di riposo dall’attività fisica di due settimane, anche se il dolore migliora dopo una settimana
  • nel caso di strappi di II grado lo stop da ogni tipo di attività sportiva deve durare almeno quattro settimane e va rivalutato dal medico prima di dare il benestare al ritorno all’attività sportiva
  • nelle lesioni di III grado i tempi di recupero non sono mai inferiori ai tre-sei mesi.

Non esiste una dieta che aiuti a combattere direttamente le lesioni muscolari, ma può essere utile introdurre nell’alimentazione una maggiore quantità di omega 3 e antiossidanti.

I farmaci

Strappo muscolare - farmaci

I principali farmaci utilizzati in caso di lesioni muscolari sono gli antidolorifici e gli antinfiammatori non steroidei (FANS), che possono essere applicati localmente sotto forma di creme, gel, spray o cerotti medicati, oppure essere assunti per bocca. L’uso degli infiammatori per un breve periodo di tempo, durante la fase iniziale del recupero, permette di ridurre la reazione infiammatoria, senza effetti collaterali sul processo di guarigione o sulla capacità di contrazione muscolare. Esistono anche dei preparati naturali che possono dare sollievo: si tratta di unguenti fitoterapici come le pomate a base di arnica e i gel di aloe vera.

Terapie fisiche e riabilitative

Passata la fase acuta, per rendere il tessuto cicatriziale elastico e prevenire aderenze, si può ricorrere ad alcune terapie fisiche (per esempio gli ultrasuoni o la tecarterapia) e di riabilitazione. Utili per favorire la ripresa sono anche massaggi decontratturanti eseguiti da un fisioterapista professionista.
L’ultimo step per guarire consiste nel rinforzare il muscolo interessato dallo strappo muscolare e migliorane l’elasticità, seguendo un programma di fisioterapia e rieducazione muscolare: in genere si inizia con esercizi eseguiti prima senza carico e poi gradualmente con carichi crescenti. Fondamentale è lavorare sempre sotto la soglia del dolore.

Strappo muscolare - terapie

La prevenzione

Il primo consiglio per ridurre il rischio di lesioni muscolari è allenarsi in modo corretto ed evitare uno sforzo fisico superiore alle proprie capacità. Per prevenire il danno muscolare, così come alle articolazioni, è sempre fondamentale un buon riscaldamento, che comprenda anche alcuni esercizi di stretching, prima di iniziare l’attività sportiva vera e propria.
Al termine dell’allenamento, dedicare alcuni minuti al defaticamento e quindi concludere con altri esercizi di allungamento.

Ti potrebbe interessare anche

Stiramenti muscolari

Stiramenti muscolari

Si tratta di una lesione muscolare di media gravità, che consiste in un allungamento eccessivo del muscolo.Sport e ...

leggi tutto
Contratture muscolari

Contratture muscolari

In caso di contrattura, il muscolo è rigido e l’aumento del tono muscolare è visibile a occhio nudo. La ...

leggi tutto

Vuoi saperne di più?

Torna a traumi e sport