Dolore al collo

2019-05-22T14:32:24
Chiesi Farmaceutici S.p.A.
Torcicollo: sintomi, cause, rimedi ed esercizi - Brexidol
Scopri il rimedio contro il dolore al collo

Il collo è, nell'anatomia umana, la regione del corpo che connette testa e torso, composta da un sistema complesso e articolato di ossa, muscoli, e altri tessuti.

Il cosiddetto torcicollo, in tutte le sue possibili declinazioni, è una sintomatologia dolorosa molto frequente. Colpisce soprattutto chi svolge attività stressanti, magari costretto per lunghe ore in posizioni che producono tensione muscolare continua, come per esempio stare otto ore al giorno alla scrivania o davanti allo schermo di un computer.

Sono tantissime le possibili cause. Il dolore al collo, alle spalle e alla nuca può avere essere provocato da stress o traumi che coinvolgono direttamente i muscoli o le ossa del collo stesso, ma anche da difetti posturali che coinvolgono la regione dorsale e finiscono per "farsi sentire" più in alto.

Torcicollo

Tra le più comuni cause di dolore al collo c'è il torcicollo, un disturbo che, in maniera improvvisa, ne blocca del tutto o in parte la mobilità e si accompagna sempre a un dolore acuto nella zona cervicale.

In genere, il "blocco" del collo interessa soltanto un lato dello stesso, ma si può anche estendere a entrambi i lati. Il dolore è causato da una violenta contrattura dei muscoli laterali del collo (in particolare il muscolo sternocleidomastoideo e il muscolo splenio).

Nelle sue diverse varianti, il torcicollo può essere provocato da molti fattori, o dal loro concorso:

  • movimenti violenti dei muscoli del collo che provocano una loro contrattura,
  • mantenere una postura scorretta, soprattutto sul lavoro, alla guida o durante il riposo notturno, per un tempo prolungato,
  • forti sbalzi di temperatura o colpi d'aria,
  • traumi.


Altre cause del torcicollo possono essere infiammazioni e infezioni virali di varia natura che arrivano a interessare la muscolatura del collo, rendendola contratta e dolente.

Dolore al collo: le cause

Tra le cause più comuni del dolore al collo possiamo annoverare, oltre al torcicollo, lo stress, che comporta irrigidimento muscolare, le posture scorrette prolungate, e, naturalmente, i traumi quali il colpo di frusta.

Patologie più serie che possono manifestarsi con dolore al collo comprendono l'artrosi cervicale (cioè l'artrosi degenerativa delle cartilagini delle vertebre cervicali), la stenosi spinale (ovvero il restringimento del canale spinale che porta a una compressione di nervi e midollo spinale), e l'ernia discale al rachide cervicale.

Questa varietà di cause fa sì che sia opportuno, qualora il dolore persista per qualche giorno, che il paziente consulti un medico per una diagnosi più approfondita e l'individuazione dei giusti rimedi.
Nei casi più gravi, possono essere saggiamente prescritti accertamenti diagnostici per verificare l'esistenza di lesioni all'apparato muscolare o scheletrico.

Sintomi del torcicollo

I sintomi del torcicollo sono una limitata mobilità, quando non il blocco totale, del collo stesso, con difficoltà a fletterlo, piegarlo lateralmente, rotearlo o allungarlo.

Chi soffre di torcicollo non riesce a compiere questi movimenti senza avvertire immediatamente un dolore acuto, che induce a fermare il movimento e a ritornare nella posizione iniziale, meno dolorosa.

Talvolta il dolore può estendersi anche alla zona della testa, delle spalle e delle braccia, e anche causare altri sintomi quali nausea e vomito.

Rimedi per il torcicollo

Quando si ha un attacco di torcicollo è importante intervenire nel modo giusto, per non peggiorare la situazione. In caso di contrattura muscolare fa bene tenere la zona al caldo, mentre, al contrario, se il dolore al collo ha origini infiammatorie sono utili le applicazioni di una borsa del ghiaccio.

Mantenere una corretta postura ed evitare di restare in una posizione fissa per molte ore aiuta ad alleviare il dolore e impedisce di aggravare i sintomi del torcicollo.
Inoltre, è utile usare un cuscino ortopedico, che mantiene il collo nella posizione corretta durante il sonno.

Generalmente un attacco di torcicollo si risolve nel giro di 2 o 3 giorni. Se il dolore persiste più a lungo o gli episodi di torcicollo si presentano con una certa frequenza, oppure, se il dolore è molto intenso, è bene rivolgersi al medico per valutare l'opportunità di accertamenti o di una fisioterapia.

Esercizi per il torcicollo

Rimettere in movimento i muscoli con una serie di esercizi di stretching è un ottimo rimedio per il torcicollo. La presenza di dolore, infatti, ci costringe a muovere la testa il meno possibile e questo aumenta la rigidità muscolare. E, di conseguenza, il dolore stesso.

Nello svolgere gli esercizi è fondamentale eseguire i movimenti con delicatezza, evitando gli scatti e le forzature e fermandosi quando si avverte il dolore. Per ogni esercizio, la posizione deve essere mantenuta per circa 10 secondi, per poi ritornare lentamente alla posizione iniziale.

  • Seduti o in piedi con la schiena dritta, ruotate lentamente la testa portando il mento verso la spalla destra e mantenete la posizione per una decina di secondi. Quindi ripetete l'esercizio ruotando la testa verso sinistra.
  • Seduti o in piedi con la schiena dritta e mantenendo lo sguardo davanti a voi flettete il collo verso destra, cercando di avvicinare il più possibile l'orecchio alla spalla. Tenete la posizione ed eseguite l'esercizio sull'altro lato, ripetendo la sequenza per almeno cinque volte per lato.
  • In piedi con le braccia distese lungo i fianchi, unite le mani dietro la schiena e spingete verso l'alto mentre contemporaneamente piegate il collo spingendo il mento verso il petto.
  • Sdraiati a pancia in su, con le gambe unite e distese e i piedi appoggiati contro la parete, tenete la zona lombare aderente al pavimento. Quindi incrociate le mani sopra la nuca e piegate il collo spingendo il mento verso il petto.

Vuoi saperne di più?

Torna a dolore